TRA LE NUVOLE Megavideo Streaming Rapidshare Megaupload link

I migliori Film e le serie Tv più interessanti del momento!

Moderatore: BLACKDRAGSTAR

TRA LE NUVOLE Megavideo Streaming Rapidshare Megaupload link

Messaggioda MarioBros » 22/01/2010, 13:00

TRA LE NUVOLE

Megavideo Streaming Rapidshare Megaupload link

Genere: Commedia
Titolo originale: Up in the Air
Nazione: Stati Uniti
Anno produzione: 2009
Durata: 108'
Regia: Jason Reitman
Cast: George Clooney, Jason Bateman, Anna Kendrick, Vera Farmiga, Melanie Lynskey, Danny McBride, Tamala Jones, Adam Rose, Steve Eastin
Produzione: Cold Spring Pictures, DW Studios, Montecito Picture Company, Paramount Pictures, Right of Way Films
Distribuzione: Universal Pictures
Sceneggiatura: Jason Reitman
Uscita italiana: 22 gennaio

Immagine



ATTENZIONE :





Una vita tra le nuvole
Ryan Bingham (George Clooney) è un uomo che ha del fegato. In tempi di crisi economico-finanziarie senza precedenti, lui fa niente meno che il tagliatore di teste. Con una disinvoltura che sa di bieca e cinica indifferenza più che di navigata professionalità, Ryan liquida il personale in esubero delle aziende in bancarotta. A dispetto di un lavoro tutt'altro che invidiabile, egli sembra pienamente soddisfatto della sua vita impeccabile di viaggiatore modello, la cui massima aspirazione è quella di maturare 10 milioni di miglia con la sua compagnia aerea preferita. Tutto sembra andare a meraviglia, ma il suo capo, sedotto dalla prospettiva di tagliare i costi del personale, decide di dare spago a una giovane e rampante “ottimizzatrice” aziendale, Natalie Keener (Anna Kendrick), la quale perora la causa del più “economico” licenziamento a distanza, sicché Ryan viene improvvisamente catapultato nell'angosciante prospettiva di dover rinunciare ai suoi amati viaggi...

Cos'è la felicità
Jason Reitman è sicuramente un regista dotato di grande talento. Con Tra le nuvole firma la sua terza regia, imponendosi con un'incontestabile capacità: quella di saper raccontare sapientemente storie che fanno molto riflettere, e che non si dimenticano facilmente. È difficile negare che Tra le nuvole sia soprattutto un film drammatico, eppure non mancano i momenti di sincera ilarità tipici della commedia più classica. Ma le scene che rimangono più impresse sono quelle in cui non si ride affatto. Si vedano le sequenze dei licenziamenti. Per renderle il più veritiere possibile, Reiman e la sua troupe si sono recati per il casting nelle città più colpite dalla crisi, Detroit e St Luis, “reclutando” veri neo-disoccupati. In questo modo hanno raccolto le testimonianze commoventi di chi veramente ha perduto il lavoro; così, il ricordarci che i disoccupati non sono soltanto numeri, statistiche, o peggio ancora lo spauracchio di politici incompetenti, ma anche e soprattutto dei volti, delle vite spezzate, costituisce già di per sé un grande merito. Ma non finisce qui. Il film vuole anche far riflettere sulla natura dei rapporti interpersonali e sentimentali, in un epoca in cui i mezzi a disposizione - chat, sms, ecc. - sembrerebbero aver moltiplicato le occasioni di scambio e comunicazione tra le persone. E invece quel che capita è esattamente il contrario: interrompere una relazione tramite un sms, è forse la maniera più cinica e vigliacca di farlo. Eppure è quello che capita a Natalie il cui ragazzo la liquida con un messaggio lapidario:"Forse dovrei frequentare altre persone". È come se Reitman volesse dirci che la diffusa incapacità tra le persone di assumersi le proprie responsabilità di fronte all'altro, abbia una diretta conseguenza sul modo in cui queste comunicano tra di loro. Il linguaggio sembra essersi fatto sempre più ellittico, indiretto, evasivo, e gli sms e le chat che ci privano di quell'umanità che solo lo scambio diretto con l'altro può darci, non sono che la punta dell'iceberg di questo problema.
Ma veniamo alla nostra storia: Ryan è, per rimanere in tema, l'incarnazione di quel genere di uomo che ha scelto deliberatamente e con una punta di orgoglio di non prendersi impegni con nessuno. Non ha legami, è un estraneo persino per la sua famiglia. L'unica relazione instabile e precaria cui si concede è con una donna, Alex (Vera Farmiga), che è il suo doppio al femminile. Anche lei è una viaggiatrice incallita, sicché la loro relazione finisce per essere relegata a fugaci incontri occasionali tra un volo e l'altro. Ma le domande provocatorie e insistenti di Natalie, sorta di grillo parlante in versione moderna, nonché la prospettiva di rivedere i suoi, incrinano le false certezze di Ryan.
La domanda che sembra serpeggiare per tutto il film è: dove sta la felicità? Nello stare soli o in compagnia? È amare o comunque provare a farlo con onestà, senza difese, o convincersi di non aver bisogno di nessuno, assecondando solo relazioni effimere e inconsistenti, come fa il nostro eroe? Il regista risponde a questo dilemma con un messaggio inequivocabile che resta da scoprire andando a vedere il film. Possiamo in conclusione augurarci che Reitman continui in futuro a essere ispirato come lo è stato in questo e nei suoi due precedenti film, Juno e Thank You for Smoking, entrambi assolutamente da recuperare.
Avatar utente
MarioBros
Amministratore
 
Messaggi: 357
Iscritto il: 29/12/2009, 14:27
Località: Italia


Metodo 2 :




Metodo 3


Torna a Cinema

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti

cron